La sfida dell’universitario

papa_francesco.-jpg

“Voi sapete, cari giovani universitari, che non si può vivere senza guardare le sfide, senza rispondere alle sfide. Colui che non guarda le sfide, che non risponde alle sfide, non vive”, così diceva Papa Francesco in un’omelia davanti agli universitari romani il 30 novembre 2013. Il 22 ottobre 2015 ,Don Luca Peyron, assistente della Fuci e responsabile della Pastorale Universitaria di Torino, ripropone queste parole per iniziare a riflettere su cosa significa essere Universitari Cattolici. Le parole del Papa ci portano a riflettere su come lo studio universitario,sia esso di tipo scientifico o umanistico, sia un continuo mettersi in gioco, una continua sfida. L’universitario, infatti, deve rispondere quotidianamente ad una sfida, quella di far propri concetti e nozioni propostegli da persone diverse da lui. L’elaborazione personale di tali concetti aiuta l’universitario ad uscire dal rischio di finire nella trappola del “pensiero uniforme, quello che omologa” e di formare comunità poliedrica così come evidenziato da Papa Francesco:”il modello da seguire nella globalizzazione non è la sfera, in cui è livellata ogni sporgenza e scompare ogni differenza ma il poliedro, che include una molteplicità di elementi e rispetta l’unità nella varietà”. La forza dell’universitario è anche e soprattutto quella di lasciarsi interrogare da ciò che studia, di fare del suo percorso di studio un percorso di crescita personale che possa portarlo alla conoscenza della verità. L’atteggiamento che l’universitario dovrebbe avere nei confronti di un libro è quello che il nostro Don Luca ha espresso molto evocativamente invitandoci a fare a pugni con esso finchè non si riesce a trovare ciò che si cerca. E’ così che l’universitario diventa un uomo adulto in grado di affrontare con lo spirito giusto le sfide che gli si presenteranno nel resto della sua vita.  L’Università deve essere non solo un luogo dove imparare una professione ma una vera e propria scuola di vita che insegni a vivere da protagonisti, a rispondere alle sfide che la vita propone ogni giorno.

Leave a comment